Storie di Pizza

Pizza napoletana a firenze con forno a legna

I segreti della pizza napoletana verace

Un soffice disco di pasta, un velo di pomodoro del Vesuvio e filetti di fiori di latte campano. Ammesso solo un giro di olio extravergine e qualche ciuffetto di basilico fresco. Questa è la vera pizza verace, che si può assaporare nei vecchi vicoli di Napoli. Vi facciamo scoprire il veri segreti che in nostri maestri pizzaioli custodiscono nel nuovo tempio della pizza napoletana a Firenze, alla Buonerìa.

Pochi ingredienti, veraci come la terra da cui proviene, che affondano la loro storia lontano nel passato, fino a diventare oggi simbolo in tutto il mondo dell’Italia e di Napoli. Una storia avvolta da tanti segreti che solo i maestri pizzaioli conoscono…ve ne sveliamo alcuni!
L’impasto, simile a quello del pane privo di grassi, viene lavorato con pazienza e lasciato riposare a lenta lievitazione dalle 24 alle 36 ore. Solo così può raggiungere quella leggerezza che rende questa pizza inimitabile.

pizza napoletana a Firenze impasto pizza

La pasta viene unicamente stesa a mano, grazie alla sua elasticità il disco viene fatto abilmente ruotare senza toccare i bordi sul piano di marmo con le mani infarinate, solo così i bordi rimarranno più alti e formeranno il cottura il famoso cornicione “a canotto”.

Altro segreto: gli ingredienti. Non solo le farine, che ciascun maestro pizzaiolo seleziona e combina in base alla sua ricetta segreta, ma anche l’alta qualità dei condimenti: solo pomodori san marzano e mozzarella fiordilatte campana – anche bufala nelle versioni più moderne e meno “tradizionali” – olio extravergine e basilico fresco. Un brevissimo passaggio al forno, massimo 90 secondi ad altissima temperatura (circa 400 °C) e il gioco è fatto: la meraviglia è sfornata! Il risultato? Una pizza morbida e soffice, che rimane tenera al morso, tanto che alcuni pensano che non sia cotta! Ma è la sua particolarità: quella di mantenere una incredibile morbidezza anche in cottura.

Pizza napoletana a Firenze forno a legna

Così buona nella sua immensa semplicità da essere ammirata in tutto il mondo. Attenzione però: la vera pizza napoletana non si trasporta, guai a non mangiarla subito ancora calda sul posto.
Per questo, avete solo due opzioni: andare a Napoli a gustare la vera pizza verace nei vicoli del centro della città, oppure venire alla Buonerìa dove tutti i giorni i maestri pizzaioli della Starita Pizza Accademy sfornano la vera pizza napoletana a Firenze!

Sorry, the comment form is closed at this time.

Una nuvola bianca di farina,
le mani che impastano energiche, il lungo e paziente riposo per donare sofficità e leggerezza all’impasto. Questa è la vera pizza napoletana verace che nasce nei vicoli di Napoli.
Questa è la pizza della Buonerìa, a Firenze.